Andrea Gatopoulos | Bio
17
page-template-default,page,page-id-17,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,side_area_uncovered_from_content,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

BIOGRAFIA

FORMAZIONE

 

Andrea Gatopoulos è nato a Pescara (Abruzzo, Italia) nel 1994. Dopo il diploma si sposta a Roma e comincia gli studi in Letteratura, Musica e Spettacolo all’Università La Sapienza, dove si laurea con lode nel 2016 con una tesi intitolata “Realtà virtuale e cultura delle immagini nella civiltà dell’intrattenimento”. Durante gli anni universitari, fonda la casa di produzione e casa editrice Il Varco.

Autodidatta, gira i suoi primi video a sei anni con la telecamera di famiglia. Durante gli anni di scuola colleziona diversi premi scolastici per video e film tra cui un premio al Giffoni Film Festival nel 2012. Arrivato a Roma, lavora dal 2014 al 2015 come assistente al montaggio e alle grafiche per Rai Cinema e Pepito (serie TV I Giganti) traduttore sul set inglese-italiano, assistente alla regia, cameraman, in numerose produzioni televisive, pubblicitarie e cinematografiche nazionali e internazionali, tra cui la serie di documentari NINO! con Pippo Baudo, Erminia Manfredi, Enrico Brignano, il docu-film “Una scuola di Arcobaleni” girato nei villaggi pular del Senegal. Lavora come fotografo di scena per la compagnia del Teatro Carcano di Milano in “Amerika”, “La bottega del caffè” e “Aspettando Godot” di Maurizio Scaparro e con Michele Riondino in “Angelicamente Anarchici”. Lavora come consulente di qualità nelle televisioni locali e come videomaker pubblicitario per alcune tra le aziende più importanti del territorio (Maico, Opera, Rete8, Barberini) acquisendo una vasta formazione nel mondo della comunicazione, della pubblicità e della produzione audiovisiva e cinematografica. Nel 2018 abbandona definitivamente ogni attività professionale per dedicarsi esclusivamente al cinema e all’attività di produzione de Il Varco.

 

CINEMA

 

Dal 2014 lavora come direttore della fotografia in undici corti e un lungometraggio. Produce attraverso Il Varco otto corti di registi giovani italiani selezionati in oltre 60 festival in tutto il mondo. Nel 2015 dirige il suo primo cortometraggio “Onyricon”, e nel 2017 la sua opera seconda “Spettri”. Nel 2018 scrive, produce e dirige “Materia Celeste” con Marina Occhionero e Teodoro Giambanco. Un elenco esaustivo delle mansioni svolte lo si può trovare sul profilo imdb all’indirizzo https://www.imdb.com/name/nm5564543

 

EDITORE

 

Dal 2014 è direttore artistico de Il Varco, casa di produzione e casa editrice. Pubblica nel 2015 da editore “L’aria che tira” una antologia di poesie e racconti di giovani autori italiani; nel 2016 il romanzo di Massimiliano Zulli “UomoMordeCane – Il Vaticano smentisce ogni coinvolgimento”; nel 2017 pubblica “Amigdala”, il suo primo libro, un saggio tratto dalla tesi di laurea sulle trasformazioni antropologiche portate da internet. Nel 2018 pubblica “18 poesie”, una silloge di lavori di Alessandro D’Orazio e Antonio Romagnoli.

 

DIRETTORE ARTISTICO

 

Attraverso l’associazione Il Varco nel 2014 e 2015 cura la direzione artistica di decine di eventi culturali, reading, esposizioni e mostre tra cui la Biennale del Varco con Alessandro Haber all’Aurum di Pescara. Nel 2016 è fondatore de Il Varco International Short Film Festival, arrivato alla terza edizione, che riceve più di 1400 iscrizioni in due anni, con la partecipazione di David di Donatello come Daniele Ciprì, Marco Spoletini, attori, artisti e registi di caratura internazionale. Nel 2018 fonda la rassegna di cinema abruzzese Nuovo Cinema Abruzzese, proiezione periodica di autori indipendenti della regione, e le Giornate del cortometraggio, prodotto insieme a Insolita Film.  Fa parte della giuria del Pollino Film Fest.

 

FOTOGRAFIA

 

Parallelamente all’attività professionale porta avanti progetti fotografici artistici personali. Nel 2016 il suo progetto “Lo spirito e l’abbandono” è esposto alle Prigioni Borboniche del XVI sec. di Pescara, dal 26 al 29 giugno. A luglio, durante un viaggio nel Cilento, ultima la sua seconda raccolta fotografica intitolata “Suonno d’ajere”, definita da un redattore di LensCulture “a modern DeChirico”.  Continua a lavorare sulla fotografia principalmente come mezzo di studio delle forme di rappresentazione fotografica attraverso diversi progetti non pubblicati né esposti.

Andrea Gatopoulos

FILMOGRAFIA 

 

DIRETTORE DELLA FOTOGRAFIA

 

2014 Per un pugno di spicci (Short)

2015 Memorie di un viaggiatore (Short)

2015 Scarborough Fair (Videoclip)

2015 Onyricon (Short)

2016 Amazing Grace (Videoclip)

2016 Polvere (Feature)

2017 Il Cane (Short)

2017 Quanto Manca (Short)

2017 Spettri (Short)

2017 Gethsemane (Videoclip)

2018 Sugarland (Short)

2018 Im Baren (Short)

2018 Antoine (Short)

 

REGISTA E SCENEGGIATORE

 

2015 Onyricon (Short)

2017 Spettri (Short)

2019 Materia Celeste (Short)

 

PRODUTTORE

 

2015 Memorie di un viaggiatore (Short, co-producer)

2015 Onyricon (Short, executive producer)

2017 Quanto Manca (Short, production manager)

2017 Spettri (Short, executive producer)

2018 Sugarland (Short, executive producer)

2018 Antoine (Short, executive producer)

2018 Rincorrersi (Short, consulting producer)

2019 Materia Celeste (Short, executive producer)

2019 Nel ritrovo del silenzio (Short, co-producer)